Microsoft Edge, Microsoft, Browser Internet Firefox, Mozilla, estensioni OpenOffice, software libero, Writer, Impress, Calc PadFone, smartphone Matroska, multimedia Avast, antivirus, sicurezza html5, flash, giochi iPhone, iPod touch e iPad infografica, internet browsers, opera, mozilla firefox, chrome, internet explorer cloud computing, internet

domenica 13 novembre 2016

Come aggiornare la Guida all'uso del tuo Kindle.

Puoi aggiornare la Guida all'uso del tuo Kindle scaricando la versione più recente sul tuo computer e trasferendola in seguito al dispositivo tramite cavo USB.

Scarica il file .AZW (formato Kindle).
  1. Quanto ti viene richiesto, seleziona Salva file per salvare il file sul tuo computer.
  2. Collega Kindle al computer tramite cavo USB.
  3. Verifica che Kindle venga correttamente rilevato dal tuo computer come periferica di archiviazione esterna. Potresti visualizzare il messaggio Kindle è in modalità periferica USB sullo schermo di Kindle quando lo colleghi al computer.
kindle-family
  1. Utilizza il programma di esplorazione file del tuo computer (Esplora Risorse o Finder, se utilizzi un Mac) per copiare il file della guida sul tuo Kindle.
  2. Su un dispositivo di lettura (Kindle, Kindle Touch o Kindle Paperwhite), il file dovrà essere trasferito all'interno della cartella "Documents".
  3. Se ti viene richiesto, sovrascrivi il nuovo file su quello che si trova già sul tuo Kindle.
Leggi anche: iBooks incredibile strumento per il download e la lettura di libri.
La realtà del mercato dei dispositivi mobili vede un aumento costante di unità vendute e l'affermarsi di nuovi comportamenti e abitudini dei consumatori che confermano che la scelta è sempre meno orientata o condizionata dal sistema operativo e dal modello ma dalla capacità del dispositivo di soddisfare bisogni precisi.

E se per farlo è necessario acquistare dispositivi dierssi, lo si fa. Questo spiega il costante successo degli smartphone (tutti ne devono avere uno), la crescita dei tablet (per viaggiare leggeri con funzionalità simili a quelle del PC) e la rinasscita del PC (per capacità prestazionale e applicazioni professionali).

L'offerta nel frattempo è sempre più ampia, ricca e innovativa e il consumatore ha la possibilità di cominare tra loro non soltanto dispositivi diversi (smartphone, phablet, tablet, PC) ma anche sistemi operativi e brand diversi.

Ne derivano nuove opportunità e potenziali rischi o costi aggiuntivi. Ciò che sta emergendo è la capacità dei consumatori di scegliere i loro dispositivi e di usarli in base ad esigenze personali specifiche. Ne deriva una distribuzione su dispositivi diversi delle ore ad essi dedicate ed un utilizzo pragmatico ed intelligente finalizzato a svolgere ed a portare a termine determinate azioni e attività.

Questa attenzione al risultato spiega alcuni fenomeni di mercato, quali la vendita elevata di tablet mini e l'aumento costante nelle vendite di phablet (smartphone con display da 5+ pollici in su). Il tablet, con le sue caratteritiche tecniche, il design e l'interfaccia tttaile, ha sicuramente cambiato il personal computing e il modo con cui le persone utilizzano le tecnologie digitali per soddisfare i loro bisogni personali, professionali e lavorativi, ma non lo ha fatto per le dimensioni del suo display.

Il display ampio del tablet può offrire maggiori benefici e vantaggi ma in termini di funzionalità, interfacce, applicazioni anche uno smartphone e un phablet (uno smartphone ingrandito) offrono le stesse possibilità. In più il phablet con il suo schermo più piccolo rende il dispositivo più leggero, comodo e trasportabile. Il phablet può essere contenuto nella tasca di una giacca, il tablet no! Il phablet può essere usato facilemnte come un telefono 3G/4G, il tablet è più complicato da usare e costoso nella versione cellulare!
Kindle_Tablet_Family
Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

giovedì 3 novembre 2016

Come eseguire la scansione di un computer Windows con Chrome Software Cleaner.

Lo strumento Chrome Software Cleaner consente di individuare programmi sospetti o indesiderati e propone di rimuoverli dal computer Windows. Lo strumento è compatibile con tutti i browser, ad esempio Firefox o Edge.

Perché ho ricevuto un messaggio? Se Chrome rileva un comportamento sospetto (arresti anomali, nuove barre degli strumenti, annunci imprevisti e così via), potrebbe suggerirti di scaricare Chrome Software Cleaner per eliminare il software indesiderato.

Chrome Software Cleaner è compatibile con tutti i browser.

Spesso nei computer è presente malware, che si manifesta in qualsiasi browser utilizzato. Chrome Software Cleaner rimuove i programmi che potrebbero incidere sul funzionamento di Firefox, Edge, Internet Explorer e altri browser.
chrome-cleanup-hero-win
  1. Visita il sito web di Chrome Software Cleaner dal computer Windows.
  2. Fai clic su Scarica ora.
  3. Leggi i termini di servizio e fai clic su Accetta e scarica.
  4. Una volta scaricato, il file viene visualizzato in fondo. Fai clic sul nome file (chrome_cleanup_tool.exe).
  5. Windows chiederà se vuoi eseguire il file. Fai clic su Esegui.
  6. Chrome Software Cleaner eseguirà la scansione del computer e visualizzerà un elenco degli eventuali programmi software dannosi trovati.
  7. Fai clic su Rimuovi programmi sospetti.
  8. Chrome aprirà una nuova scheda e ti chiederà di reimpostare le impostazioni. Fai clic su Reimposta.
  9. Tipi di malware rimossi da Chrome Software Cleaner.
I programmi rimossi da Chrome Software Cleaner sono mirati perché sappiamo che modificano le impostazioni senza il tuo consenso.
Leggi anche: Locky il nuovo ransomware che fa sul serio: ecco come rimuoverlo.
  • BrowseFox
  • PullUpdate
  • Vitruvian
  • V-Bates
  • SearchProtect
  • SupTab
  • MySearchDial
  • SaveSense
  • Price Meter
  • Mail.ru Sputnik/Guard
  • Conduit Toolbars, Community Alerts & ValueApps
  • Wajam
  • Multiplug
  • Shopper Pro
  • Stormwatch
  • SmartBar
  • Dealply
  • SmartWeb
  • MySearch123
  • AdPea
  • Etranslator
  • CouponMarvel
  • PriceFountain
  • Techsnab
  • Colisi 
  • BrApp
  • LuckyTab
  • OneCall
  • Crossrider
  • Eorezo
  • Consumer Input
  • Content Defender
  • Movie Dea
chrome-software-cleaner
Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

sabato 22 ottobre 2016

Locky il nuovo ransomware che fa sul serio: ecco come rimuoverlo.

Locky è una minaccia che crittografa i file (redendoli illeggibili) e richiede un riscatto alle sue vittime per riaverli. Fino ad ora ha attaccato 500.000 persone.

Se I tuoi file fossero stati bloccati da Locky Ransomware, lo sfondo del tuo desktop verrà sostituito con un messaggio nel quale ti verrà richiesto di pagare .5 BTC per ottenere il codice di cifratura. Il programma creerà inoltre un file di testo con lo stesso messaggio.

Fai attenzione poiché Locky malware cancellerà tutte le copie shadow di volume, rendendo così più complicato il ripristino dei file.
virus-Locky
Se avessi un backup dei file criptati, hai anche la soluzione per questo problema. Potrai semplicemente ripristinarli dal backup. Se così non fosse, potresti aver, sfortunatamente, perso i file bloccati da Locky virus. Non esiste alcuna garanzia che, anche dopo aver effettuato il pagamento, il codice che otterrai funzionerà. Pagando, potresti semplicemente sprecare soldi e finanziare i criminali informatici.



Cosa viene richiesto da Locky.
Quando tutti i file sono crittografati, Locky chiede un pagamento per decodificarli. Spesso viene richiesto il pagamento in bitcoin di una somma compresa tra 0,5 e 1,0 BTC (1 bitcoin = $ 400/£ 280/€ 367).


Come si diffonde Locky.
Gli hacker inviano un'email con un oggetto simile al seguente: "ATTN: Fattura J-98223146". All'email è allegato un documento Word. In che modo gli hacker vengono in possesso di un indirizzo email? Procurandoselo mediante la violazione di dati di terze parti (ad esempio, se ci si è registrati a un servizio e il server dell'azienda è stato violato) o acquistandolo (la stessa azienda ha venduto l'indirizzo email fornito).
Come viene installato Locky.
L'ignaro utente apre il documento, che sembra... incomprensibile. Il documento raccomanda di abilitare le macro "se la codifica dei dati non è corretta". Tutto ciò è ovviamente pianificato.Che aspetto ha Locky.
L'abilitazione delle macro consente a Locky di essere scaricato segretamente sui computer. Il ransomware quindi procede a crittografare tutti i file che trova (immagini, video, file di Office, ecc.). Codifica perfino i dati presenti sulle eventuali unità rimovibili collegate in quel momento...


Come rimuovere Locky virus utilizzando il Ripristino di Sistema?
Leggi anche: Come rimuovere Somoto Toolbar con Malwarebytes Anti-Malware.
1. Riavvia il tuo computer in Modalità Provvisoria con Prompt di Comandi.
Per Windows 7 / Vista/ XP
● Start → Spegni → Riavvia → OK.
● Premi ripetutamente F8 finché non apparirà una finestra contenente le opzioni avanzate di avvio.
● Scegli la Modalità Provvisoria con Prompt di Comandi.
Per Windows 8 / 10
● Premi Power nella schermata di login di Windows. Successivamente tieni premuto Shift e clicca su Riavvia.
● Scegli Troubleshoot → Opzione Avanzate → Impostazioni di avvio e clicca Riavvia.
● Non appena si caricherà, seleziona Abilita Modalità Provvisoria con Prompt di Comandi dalla lista delle impostazioni di avvio.
2. Ripristinare i file di sistema e le impostazioni.
● Una volta caricato il Prompt dei Comandi, inserisci cd restore e premi invio.
● Successivamente digita rstrui.exe e premi nuovamente invio.
● Clicca “Avanti” nelle finestre che appariranno.
● Seleziona uno dei punti di ripristino disponibili prima che Locky virus si sia infiltrato nel tuo sistema e clicca su “Avanti”.
● Per avviare il ripristino di sistema clicca su "Si"
3. Rimozione complete di Locky virus.
Dopo aver ripristinato il tuo sistema, ti consigliamo di scansionare il tuo computer con un anti-malware, come Reimage, Spyhunter per rimuovere tutti i file malevoli collegati a Locky virus.

4. Ripristino dei file corrotti da Locky virus utilizzando le Copie Shadow.
Se non utilizzassi le opzioni di ripristino di sistema nel tuo sistema operativo, esiste anche la possibilità di utilizzare gli snapshot delle copie shadow. Queste ultime salvano copie dei tuoi file nel momento in cui lo snapshot viene creato. Solitamente Locky virus cercherà di cancellare tutte le copie Shadow esistenti, per questo motivo questo metodo potrebbe non funzionare su tutti i computer. Tuttavia, provare non costa nulla.

Le Copie Shadow sono disponibili solo su Windows XP Service Pack 2, Windows Vista, Windows 7, e Windows 8.

Esistono due modi per recuperare i tuoi file attraverso le copie Shadow. Potrai farlo sia tramite le versioni precedenti di Windows sia tramite Shadow Explorer.

a) Versioni precedenti di Windows.
Clicca con il destro sul file criptato e seleziona Proprietà>Versioni precedenti. Adesso sarai in grado di vedere tutte le copie esistenti di quel particolare file e il momento in cui sono state salvate come Copie Shadow. Scegli la versione del file che vuoi recuperare e clicca su Copia, nel caso in cui volessi salvarlo in una directory di tua scelta. O Ripristina nel caso in cui volessi sostituirlo con quello esistente, ovvero il file criptato. Se volessi vedere prima il suo contenuto, clicca su Apri.

b) Shadow Explorer.
E’ un programma che può essere trovato online gratuitamente. Potrai scaricare sia la versione completa sia quella portatile di Shadow Explorer. Apri il programma. Nell’angolo superiore sinistro seleziona il drive in cui hai salvato il file che vuoi ripristinare. Adesso vedrai tutte le cartelle presenti il quel drive. Per selezionare un’intera cartella, clicca con il destro e seleziona “Esporta”. Successivamente scegli dove vuoi che venga salvata.

Nota: In molti casi è impossibile ripristinare i file corrotti dai moderni ransomware. Per questo motivo ti consiglio di utilizzare per precauzione un buon software per il backup su cloud. Ti consiglio di dare un’occhiata a Carbonite, BackBlaze, CrashPlan o Mozy Home.

Nota: Esiste un clone di Locky Virus che utilizza uno schema di cifratura molto più semplice i file possono essere recuperati con Emsisoft’s AutoLocky Decryptor. Puoi comunque sia provare a recuperare i tuoi file criptati dall’estensione .locky nel caso in cui gli altri metodi di recupero falliscano.
Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

martedì 18 ottobre 2016

Come collegare Analytics e Search Console.

Non sei sicuro che il tuo sito web venga trovato su Ricerca Google? Collega un account Search Consolealle proprietà Analytics dell'account Software Free & Open Source per capire il traffico di ricerca ed eseguire ottimizzazioni che aiutino Google a rappresentare meglio il tuo sito.

Se associ una proprietà di Google Analytics a un sito del tuo account Search Console, puoi visualizzare i dati di Search Console nei rapporti di Google Analytics. Puoi inoltre accedere ai rapporti di Google Analytics direttamente dalla sezione Link che rimandano al tuo sito e dalle pagine Sitelink in Search Console. Tieni presente che puoi associare soltanto un sito web, non un'app.
google-search-console-analytics
Associa Proprietà.
Devi essere un proprietario della proprietà di Google Analytics per poterla associare con un sito web in Search Console.
Puoi aprire la pagina delle associazioni di Google Analytics dal menu a discesa delle Impostazioni della proprietà in Search Console.

Se associ un sito del tuo account Search Console a una proprietà web di Google Analytics, i dati di Search Console vengono attivati per impostazione predefinita per tutti i profili associati alla proprietà web in questione. Di conseguenza, chiunque abbia accesso alla proprietà di Google Analytics potrebbe riuscire a visualizzare i dati di Search Console relativi al sito. Ad esempio, se un amministratore di Google Analytics aggiunge un utente a un profilo, tale utente potrebbe riuscire a vedere i dati di Search Console nei rapporti di ottimizzazione della ricerca.

È possibile associare un sito a una sola proprietà e viceversa. La creazione di una nuova associazione comporta la rimozione di quella precedente.

Ciascuna proprietà di Google Analytics può avere un numero di viste. Se associ un sito a una proprietà, la selezione di un link che rimanda a Google Analytics da Search Console indirizza alla vista predefinita di quella proprietà (se in precedenza avevi associato il tuo sito a una vista diversa, la selezione di un link ora indirizzerà invece alla vista predefinita. Se vuoi, puoi cambiare vista all'interno di Google Analytics.

Se il tuo sito è già associato a una proprietà di Google Analytics, è possibile che tu abbia già utilizzato Google Analytics per associare questa proprietà al sito oppure che l'associazione sia stata effettuata da un altro proprietario del sito.

Se il tuo sito è associato a una proprietà di Analytics che non riconosci (e che non vuoi), è possibile che un altro proprietario del sito lo abbia associato a una proprietà di Analytics di cui non sei proprietario. In questo caso, puoi eliminare l'associazione e crearne una nuova.

Se in precedenza il sito era associato a una proprietà e ora non lo è più, è possibile che la proprietà sia stata successivamente associata a un sito diverso. Tieni presente che è possibile associare un sito a una sola proprietà. La creazione di una nuova associazione comporta la rimozione di quella precedente.

Se sei un amministratore account della proprietà di Google Analytics, puoi creare un'associazione anche utilizzando la pagina Amministrazione di Analytics.

Rimozione di dati di Search Console da Google Analytics.
Per rimuovere dati di Search Console da una proprietà di Google Analytics, scollega l'associazione utilizzando la pagina di associazione di Search Console oppure gestisci l'associazione nella  pagina Amministrazione di Analytics (se sei un amministratore della proprietà di Google Analytics).
Leggi anche: Google Apps for Business: Calendar rimani sincronizzato con il tuo team.
Perché i dati di Search Console non corrispondono ai dati di Google Analytics?
I dati di Search Console potrebbero differire dai dati visualizzati in altri strumenti, ad esempio in Google Analytics. Alcuni possibili motivi sono:

Search Console esegue alcune ulteriori elaborazioni di dati, ad esempio per gestire i duplicati e le visite dei robot, e ciò può comportare differenze con le statistiche provenienti da altre fonti.

Alcuni strumenti, come Google Analytics, monitorano solo il traffico degli utenti che hanno attivato JavaScript nel browser.

Google Analytics monitora unicamente le visite relative alle pagine che includono il codice JavaScript di Google Analytics correttamente configurato. Se le pagine del sito non includono il codice, Analytics non terrà traccia delle visite a tali pagine.

In Search Console verrà tuttavia tenuta traccia delle visite alle pagine sprovviste del codice di monitoraggio di Analytics, se gli utenti raggiungono tali pagine tramite i risultati di ricerca oppure se Google ne esegue la scansione o altrimenti le rileva.

Alcuni strumenti definiscono le "parole chiave" in modo diverso.

Ad esempio:
  • Nella pagina Parole chiave di Search Console sono elencate le parole chiave significative che Google ha trovato sul tuo sito.

Lo strumento per le parole chiave di Google AdWords mostra il numero totale di query degli utenti relative alla parola chiave in questione sul Web.
  • Analytics utilizza il termine "parole chiave" per descrivere sia le query del motore di ricerca sia le parole chiave a pagamento di AdWords.
  • La pagina Analisi delle ricerche di Search Console indica il numero totale di query di ricerca di parole chiave in cui la voce della tua pagina è stata visualizzata nei risultati di ricerca. Questo numero è inferiore. In Search Console i dati delle query di ricerca vengono arrotondati a una o due cifre significative.
Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

giovedì 22 settembre 2016

Guida a Microsoft Edge: come aggiungere funzionalità con le estensioni.

Microsoft Edge è già uno strumento ottimale per esplorare il Web, ma ora le estensioni offrono ancora più potenzialità. Le estensioni sono piccoli programmi che aggiungono funzionalità al browser.

Microsoft Edge è stato progettato per essere un browser web leggero, con un motore costruito intorno allo standard web, che prende il nome di "EdgeHTML", "progettato per l'interoperabilità con il moderno web". Si rimuove il supporto per le tecnologie legacy, come ActiveX, a favore di estensioni e all'integrazione con altri servizi Microsoft, come ad esempio l'assistente Cortana e Microsoft OneDrive, e offrirà anche strumenti di annotazione e di una modalità di lettura.

Edge, infatti, secondo i più recenti test, è risultato essere alla pari della concorrenza, anzi in alcuni casi migliore, e comunque molto più ottimizzato rispetto al precedente Internet Explorer. Oltre alle ottimizzazioni in prestazioni, sono state introdotte anche alcune interessanti novità, ad esempio la possibilità di poter scrivere delle note su pagine web, che poi possono essere salvate nell'elenco di lettura, in One Note o sui preferiti. Oppure la recente funzionalità introdotta col nuovo aggiornamento (Versione 1511), che consiste nella possibilità di visualizzare un'anteprima in miniatura della pagina web caricata in una scheda non attiva, passando il mouse sulla scheda stessa.
microsoft-edge-mozilla
Il browser graficamente si presenta come Universal App, con uno stile quindi simile alle altre nuove app di sistema introdotte con Windows 10, inoltre è possibile cambiare il tema del browser e scegliere tra 2 versioni: tema chiaro e tema scuro.
Leggi anche: Guida a Microsoft Edge: porta con te le tue letture in autobus o nel week-end.
Tuttavia il browser risulta essere ancora non completo al 100%, alcune funzionalità risultano essere mancanti rispetto alla controparte "Internet Explorer". Comunque da poco sono state introdotte le estensioni, ormai presenti in tutti i browser.
Menu di scelta rapida per le estensioni in Microsoft Edge
Le estensioni consentono di:
Ottenere nuovi modi per interagire con il browser. L'estensione Movimenti del mouse, ad esempio, consente di esplorare il Web con il pulsante destro e un gesto rapido del mouse.

Usare comode funzionalità in background. Ad esempio, le estensioni per bloccare la visualizzazione della maggior parte degli annunci pubblicitari.

Aggiungere pulsanti per eseguire più operazioni in una determinata pagina. Con questo tipo di estensione, puoi aggiungere un pulsante per tradurre una pagina o condividere nei siti di social media.

Nota.
Alcuni pulsanti vengono visualizzati solo quando puoi usarli in una determinata pagina. Ad esempio, il pulsante Traduttore verrà visualizzato solo quando visiti una pagina scritta in un'altra lingua.

Ottenere estensioni dallo Store.
Per trovare le estensioni e aggiungerle al browser, seleziona Microsoft Edgesulla barra delle applicazioni di Windows e quindi seleziona Altro >Estensioni > Ottieni estensioni dallo Store. Dopo aver installato un'estensione, segui le istruzioni sullo schermo per attivarla in Microsoft Edge.

Mantenere le estensioni a portata di mano.
Seleziona Altro per vedere tutte le estensioni. Usi di frequente un'estensione? Per mantenerla a portata di mano, seleziona Altro , tieni premuto o fai clic con il pulsante destro del mouse sull'estensione e quindi seleziona Mostra accanto alla barra degli indirizzi.
Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Guida a Microsoft Edge: porta con te le tue letture in autobus o nel week-end.

L’elenco di lettura in Microsoft Edge offre una posizione in cui puoi salvare gli articoli o altri contenuti che vuoi leggere in seguito, ad esempio durante il tragitto in autobus o nel week-end, quando preferisci. Vedrai il tuo elenco di lettura in tutti i tuoi dispositivi Windows 10 quando esegui l'accesso con un account Microsoft.

Microsoft Edge è stato progettato per essere un browser web leggero, con un motore costruito intorno allo standard web, che prende il nome di "EdgeHTML", "progettato per l'interoperabilità con il moderno web". Si rimuove il supporto per le tecnologie legacy, come ActiveX, a favore di estensioni e all'integrazione con altri servizi Microsoft, come ad esempio l'assistente Cortana e Microsoft OneDrive, e offrirà anche strumenti di annotazione e di una modalità di lettura.
microsoft-edge
Quando trovi un articolo che vuoi salvare per leggerlo in seguito in Microsoft Edge, seleziona la stella Aggiungi a Preferiti o Elenco di lettura e quindi seleziona Elenco di lettura > Aggiungi.
Leggi anche: Guida a Microsoft Edge: Porta con te le tue letture.
Oppure fai clic con il pulsante destro del mouse su qualsiasi link e selezionaAggiungi a Elenco di lettura anche senza visitare la pagina.

Quando sei pronto per leggere, seleziona Hub e quindi Elenco di lettura .
Screenshot dell'Elenco di letturaLeggi con meno distrazioni.
Per un layout semplice e pulito con meno distrazioni, seleziona Modalità lettura
Immagine dell'icona Modalità lettura
nella barra degli indirizzi. Puoi anche modificare lo stile (chiaro, medio o scuro) e le dimensioni dei caratteri della modalità lettura in base alle tue preferenze. Seleziona Altro
Immagine dell'icona Altro

Impostazioni.
Immagine che mostra il pulsante della modalità lettura
Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Guida a Microsoft Edge: scrivi e prendi appunti nel Web.

Microsoft Edge è l'unico browser che permette di prendere appunti, scrivere, scarabocchiare o evidenziare direttamente nelle pagine Web.

Puoi quindi salvare e condividere le tue note nei soliti modi.

Aggiungi note alle ricette, invia qualche suggerimento per i regali di compleanno o disegna semplicemente dei baffi sulle foto di celebrità: il Web diventa la tua tela.

Microsoft Edge, conosciuto con il nome in codice Project Spartan durante lo sviluppo, è un browser web sviluppato da Microsoft e incluso in Windows 10.
Microsoft_Edge_logo.svg
Ufficialmente presentato il 21 gennaio 2015, ha sostituito Internet Explorer come browser predefinito di Windows. È anche il browser predefinito per Windows 10 Mobile, la versione per smartphone e tablet.
Leggi anche: Microsoft Edge il nuovo browser di Windows 10.
Seleziona Crea una nota Web
Immagine dell'icona Crea una nota Web
per iniziare a scrivere nella pagina attiva.
Screenshot di appunti e frasi evidenziate in una pagina Web.
Usa la penna per scrivere con touchscreen o mouse, l'evidenziatore oppure digita
Immagine dell'icona per digitare una nota
una nota e quindi condividila .
Screenshot di appunti e frasi evidenziate in una pagina Web
1. Penna 2. Evidenziatore 3. Gomma 4. Digitare una nota 5. Ritaglio.
Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

martedì 20 settembre 2016

Pale Moon è più completo di Firefox, ma anche più leggero.

Pale Moon è un interessante progetto di un browser alternativo basato su Firefox, ottimizzato però per rendere al meglio esclusivamente sul sistema operativo Windows includendo svariate ottimizzazioni che rendono la navigazione molto più veloce e reattiva.

Gli sviluppatori del progetto Pale Moon hanno voluto mantenere la stessa identica interfaccia grafica di Firefox, rimuovendo per alcune funzionalità extra non ritenute fondamentali dai developer come ad esempio  funzioni di accessibilità ed i filtri famiglia.

Caratteristica principale di Mozilla Firefox è quella di essere open source dal cui codice sorgente possono nascere anche molti altri porgetti dedicati come ad esempio il browser Iceweasel oppure anche Pale Moon.
pale-moon-logo-1
Pale Moon include anche una home page rivisitata che possiamo comunque sostituire in un secondo momento con un nostro motore di ricerca preferito, essendo basato su Firefox rimane il supporto per add-on e temi di terze parte.

Da notare inoltre che in Pale Moon sono state introdotte diverse ottimizzazioni per HTML5 oltre ad include alcune migliorie nel supporto per Scalable Vector Graphics e Canvas.
palemoon-android
Apparentemente Pale Moon sembra identico a Firefox, ma il codice è stato completamente rivisto e sono state disattivate alcune funzioni extra non ritenute fondamentali, come per esempio le funzioni di accessibilità ed i filtri famiglia.

Essendo comunque di base Firefox, Pale Moon permette di utilizzare le più comuni estensioni destinate a questo browser. Pale Moon include inoltre i supporti HTML5, CSS3, Scalable Vector Graphics e Canvas. Il browser è compatibile anche con Windows 10. Per i dettagli sugli aggiornamenti si può consultare la pagina di ufficiale.
pale-moon-ubuntu
Pale Moon è più completo di Firefox, ma anche più leggero.
La sorpresa è questa. La dimensione della mia cartella di SeaMonkey PortableApps è di 846 MB. Se tolgo dalla cartella tutti (o quasi) i file relativi al client email- che in effetti non mi serve – sono ben 477 MB di cartelle di posta in meno e quindi il peso scende a 369 MB. Firefox ESR Portable MozUp ha invece una dimensione di 266 MB. Pale Moon invece, con lo stesso mio profilo dei due precedenti browser, ha una dimensione di appena 112 MB!

Ultima versione stabile rilasciata per Windows: 26.4.1 (17/08/2016).

Dagli sviluppatori del progetto Pale Moon for Linux arriva un’utile tool con il quale possiamo installare, aggiornare e rimuovere facilmente il browser open basato su Firefox in qualsiasi distribuzione Linux.

Ultima versione stabile rilasciata per Linux: 0.2.2
palemoon-pminstaller-download
Pale Moon Installer ci consente (attraverso una semplice interfaccia grafica) di installare l’attuale versione stabile di Pale Moon nella nostra distribuzione, includendo un collegamento nel menu per avviare velocemente il browser. Possiamo anche impostare Pale Moon come browser predefinito il tutto direttamente dall’installer. Sempre da Pale Moon Installer potremo verificare ed installare nuovi aggiornamenti del browser oppure rimuoverlo oltre a poter consultare la licenza.
Leggi anche: Waterfox è un web browser open source volto alla velocità.
Semplice e davvero molto utile, Pale Moon Installer è disponibile in questa pagina, una volta scaricato ed estratto il file .tar.bz2 basta spostare il file pminstaller.sh nella home e digitare da terminale:
cd
sh pminstaller.sh
dopo alcuni secondi si aprirà Pale Moon Installer.
Ultima versione stabile rilasciata per Linux: 26.4.1 (17/08/2016).

Ricordo inoltre che per avere la versione in lingua italiana di Pale Moon dovremo installare il Language Pack dedicato disponibile in questa pagina.

Download.
pale-moon-5
Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

domenica 18 settembre 2016

Waterfox è un web browser open source volto alla velocità.

Waterfox è un web browser open source, fork di Mozilla Firefox, progettato per funzionare unicamente sui sistemi operativi (Windows e macOS) a 64-bit.

A detta degli sviluppatori, Waterfox è volto alla velocità.

È compatibile con gli add-ons di Firefox e i plug-ins NPAPI a 64-bit.

Sebbene Firefox fornisca prestazioni migliori secondo test eseguiti nel 2012 da TechRepublic, Waterfox ha mostrato un lieve miglioramento nel 2014, in seguito ai test di Softpedia. Il progetto è supportato da SourceForge.
waterfox_logo
È compatibile con la maggior parte dei plugin ed estensioni di Firefox, anche non firmate.

Waterfox, senza aggiungere nulla al browser ufficiale, diventa un'ottima alternativa a Firefox ottimizzata per pc a 64 bit.

Questo significa che si possono usare molti plugin a 64bit come Adobe Flash, che in teoria, dovrebbero funzionare meglio.

Waterfox utilizza lo stesso profilo dati dell'installazione di Firefox mantenendo quindi i preferiti e altre impostazioni personalizzate.
 Leggi anche: Sfrutta la memorizzazione nella cache del browser.
Downloads:
Windows
Waterfox 48.0.2 Setup
Waterfox 48.0.2 Portable
waterfox
Mac OS X
Waterfox 48.0.2 Portable
waterfox-mac

Source.
View source on GitHub
waterfox-04-700x439
Screenshots.
waterfox1waterfox2waterfox3waterfox4waterfox5
Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

mercoledì 7 settembre 2016

Guida introduttiva al nuovo Google+: che cosa cambia.

Guida introduttiva al nuovo Google+
Con Google+, puoi condividere link, video, immagini e altri contenuti con persone che hanno i tuoi stessi interessi. Puoi anche vedere i contenuti che altri hanno condiviso nel tuo stream.
Puoi sempre scegliere con chi condividere i contenuti.
  • Utilizza le Raccolte per visualizzare e condividere post in base agli argomenti che ti interessano. 
  • Utilizza le Community per conversare con altre persone che condividono i tuoi interessi.
  • Utilizza lo stream Home per visualizzare post in base ai tuoi interessi e agli utenti che segui.
Che cosa cambia in Google+
google -nuovo
Abbiamo riprogettato Google+ al fine di rendere più facili e veloci:
Se utilizzi l'app Google+ su un telefono cellulare, vedrai il nuovo Google+ quando l'app viene aggiornata.
Leggi anche: iBooks incredibile strumento per il download e la lettura di libri.
Passaggio al nuovo Google+
Puoi provare il nuovo Google+ sul computer: nell'angolo in basso a sinistra fai clic su Prova il nuovo Google+.
Ricorda:
  • Alcune funzioni non sono disponibili nel nuovo Google+.
  • Se, dopo aver provato il nuovo Google+ sul computer, desideri tornare alla versione classica, fai clic su Torna alla versione classica di G+ nell'angolo in basso a sinistra dello schermo.
  • Puoi tornare alla versione classica di Google+ solo utilizzando il computer.
Google_Street_View_coverage
Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Random Posts