Microsoft Edge, Microsoft, Browser Internet Firefox, Mozilla, estensioni OpenOffice, software libero, Writer, Impress, Calc PadFone, smartphone Matroska, multimedia Avast, antivirus, sicurezza html5, flash, giochi iPhone, iPod touch e iPad infografica, internet browsers, opera, mozilla firefox, chrome, internet explorer cloud computing, internet

domenica 22 marzo 2009

Google Web Accelerator, servizio web gratuito

Google Web Accelerator, è un servizio web gratuito che permette agli utenti Windows con connessione broadband di aumentare significativamente la velocità di accesso alla maggior parte delle pagine online.

Google ottiene questo risultato tenendo in cash le pagine web richieste più frequentemente sui propri server e utilizzando il pre-fetching attraverso il quale vengono scaricati in anticipo le pagine web a cui fanno riferimento i link proposti tra i risultati.

Scarichiamo l'applicazione da:

http://webaccelerator.google.com

cliccando sul pulsante Download Now. Dopo pochi istanti verrà mostrata una schermata utile a completare il download. Clicchiamo su Salva, scegliamo la destinazione del pacchetto e scarichiamolo sul disco rigido premendo ancora Salva.


Accediamo alla cartella dove abbiamo scaricato il pacchetto Google Web Accelerator Setup.msi e clicchiamoci sopra due volte.

Premiamo Next e poi I Agree. Spuntiamo l'unica opzione disponibile e clicchiamo su Next. L'installazione ha inizio. Attendiamo la fine e, quando richiesto, premiamo Finish.

Accanto alla barra degli indirizzi di Internet Explorer o di Firefox apparirà un'icona simile ad un tachimetro. Clicchiamoci sopra e, dal menu contestuale, scegliamo la voce Preferences. Nella schermata che appare possiamo configurare il nostro ti­po di connessione (ADSL) e altre impostazioni.

Ma nonostante queste grandi notizie, ho scoperto presto che Google Web Accelerator non è immune da problemi.

37signals riporta infatti che Google Web Accelerator "può danneggiare le applicazioni Web e altre cose".

L'Accelerator cerca attraverso una pagina ed effettua il prefetching del contenuto sottostante ad ogni link. Questo dà l'illusione che la pagina venga caricata più velocemente (dal momento che è già stata precaricata dietro le quinte).


time_saved_350.gif

Quello che sta succedendo è che per aumentare la velocità di surfing, Google Web Accelerator scarica automaticamente gli URL linkati dalla pagina che si sta per visitare, includendo i collegamenti di admin per modificare e cancellare il contenuto.


Google sta essenzialmente cliccando ogni link all'interno della pagina, includendo link come “delete this” o “cancel that.”
E ancora peggio Google ignora i Javascript di conferma. Cosicchè se tu hai " Sei sicuro di voler cancellare questo?", Google lo ignora e compie l'azione comunque.

Questo potrebbe danneggiare considerevolmente le applicazioni web con dei link di admin. "

Un'altra questione di cui gli utenti di Google Web Accelerator dovrebbero preoccuparsi è che le statistiche di traffico potrebbero essere fortemente influenzate dal numeo delle "hit" espresse direttamente dal proxy di Google Accelerator e non dal tuo server. Sarà sempre più diffcile sapere quanti visitatori hanno visitato realmente la tua pagina web.

Alcuni hanno riportato problemi nell'accedere alla propria web mail in quanto questo servizio di Google concludeva la sessione non appena essi si loggavano e gli amministratori di forum hanno riportato che, usando Google Web Accelerator hanno verificato che essi stessi caricavano pagine precedentemente in cash da parte di altri utenti, incluse le informazioni sull'account dell'utente ed i messaggi privati.

google_we_accelerator.jpg


"Molti hanno optato di bloccare Web Accelerator per evitare violazioni della privacy"
(Source: Betanews)

Google avrebbe dovuto pensare a tutte queste cose considerando coloro che lavorano per questo servizio.

Comunque puoi trovare un sito di discussione con tutti i problemi riportati ed i commenti tecnici.

FAQ Google Web Accelerator.

Informazioni per i webmaster su Google Web Accelerator.

fonte: Masternewmedia & Google

2 commenti:
Scrivi commenti
  1. in CASH?!?!

    "tenendo in cash le pagine web richieste più frequentemente..."

    RispondiElimina
  2. "tenendo in tango e cash le pagine web richieste più frequentemente"...
    ai miei tempi si diceva cache :)

    RispondiElimina

Random Posts