Microsoft Edge, Microsoft, Browser Internet Firefox, Mozilla, estensioni OpenOffice, software libero, Writer, Impress, Calc PadFone, smartphone Matroska, multimedia Avast, antivirus, sicurezza html5, flash, giochi iPhone, iPod touch e iPad infografica, internet browsers, opera, mozilla firefox, chrome, internet explorer cloud computing, internet

lunedì 23 marzo 2009

GQView consente di utilizzare più proficuamente il proprio archivio di fotografie.

150x150_sottoscrivi.png

gqview_logo.gifLa versione 2.0.4 di GQView introduce diverse correzioni, un ampiamento delle traduzioni e nuove scorciatoie da tastiera.

Per visualizzare le proprie immagini sotto Linux non si può fare a meno, o almeno non si può fare a meno di provare, GQview, leggero software gratuito basato sulle librerie GTK 2.4 (di cui è richiesta la presenza nel sistema) che consente di mettere ordine e di utilizzare più proficuamente il proprio archivio di fotografie.

Il software supporta tutte le principali caratteristiche che si richiedono a questo tipo di strumenti: la visualizzazione delle anteprime in miniatura, la possibilità di zoomare le immagini, di creare una presentazione automatica (slideshow), di aprire le immagini in un programma esterno per la modifica, di aggiungere commenti e annotazioni alle foto.

sky8_468x60.gif

Le nuova versione 2.0.0 che vi presentiamo in questa pagina aggiunge alle già complete dotazione della versione precedente un potente motore di ricerca, complesso e personalizzabile, in grado di identificare immagini presenti sul vostro hard disk anche in base al loro contenuto grafico. Tra le novità anche la possibilità di stampare e di assegnare ad ogni immagine un set di "parole-chiave" in modo da mantenere ordine nell'archivio.

gqview2.gif

GQview si è dimostrato alle nostre prove veloce e affidabile. Un sistema di caching permette di ridurre i tempi di visualizzazione delle miniature, mentre un sistema di filtraggio consente di visualizzare solamente le immagini che si desidera siano visualizzate. GQview supporta anche la lettura dei dati EXIF, il formato utilizzato dalle principali macchine fotografiche digitali per fornire dati supplementari (come ad esempio quelli riguardanti l'esposizione) sulla foto.

Per l'installazione basterà compilare il programma (dopo averne estratto il contenuto con tar xzvf gqview-2.0.0.tar.gz) con il comando configure && make && make install. Se tutto sarà andato a buon fine sarà sufficiente digitare "gqview" al prompt dei comandi per avviarlo.

images are color reduced to increase compression.

Additional screen shots of features new in GQview 2.0 can be found here.

The main window (default configuration):

main window default

These next three display a few of the window layout possibilities:
custom layout 1

custom layout 2

custom layout 3

A collection window:
collection window

The Find Duplicates window:
find duplicates window

The batch rename dialog (auto rename in rename dialog):
batch rename dialog

The EXIF sidebar:
EXIF sidebar

The sort manager:
sort manager


1 commento:
Scrivi commenti
  1. GQview non è più sviluppato dal 2006. Un fork interessante che vi segnalo è geeqie (http://sourceforge.net/projects/geeqie/) anche se per adesso è ancora in fase alfa.

    RispondiElimina

Random Posts