Microsoft Edge, Microsoft, Browser Internet Firefox, Mozilla, estensioni OpenOffice, software libero, Writer, Impress, Calc PadFone, smartphone Matroska, multimedia Avast, antivirus, sicurezza html5, flash, giochi iPhone, iPod touch e iPad infografica, internet browsers, opera, mozilla firefox, chrome, internet explorer cloud computing, internet

venerdì 13 aprile 2012

Che Unity è riuscito a dividere i sostenitori Ubuntu è una realtà. Ecco 4 alternative a Unity Desktop.

Che Unity è riuscito a dividere i sostenitori Ubuntu è una realtà. C'è chi lo odia e c'è chi lo ama.

Nel primo caso l'alternativa è una sola: cercare nuove strade (rimuovere Unity e utilizzare Gnome Classico di Default, usare il desktop alla GNOME 2 mediante la modalità GNOME fallback, installare GNOME Shell Extensions, GNOME Tweak Tool e le estensioni per GNOME Shell Bottom Panel e Favourites in the Panel, installare Mate Desktop Environment un motore grafico inspirato a Gnome 2 che supporta come Gnome 3 le nuove librerie Gtk3, ecc ecc.

Nel secondo caso le strade sono diverse:; abbellirlo incorporando al progetto originale tools e utility come per esempio una bella dock bar tipo AWN, installare Awoken Icon Theme oppure i Temi Equinox Evolution e tanti altri che lo rendono più accativante. Raccomandata la nuova versione 5.0 di Unity versione che porta, oltre alla correzione di alcuni bug, un miglioramento delle performance e l'arrivo di alcune nuove feautures, ecc ecc.

La nuova interfaccia di Ubuntu raccoglie (pochi) consensi e (molte) critiche. In realtà basta conoscere o impostare alcune semplici scorciatoie per rendere il sistema semplice e divertente da utilizzare.

Ho fatto una ricerca in rete trovando suggerimenti, consigli e piccoli trucchi per personalizzare Unity.

Ogni riferimento è corredato del link originale.

1.- Installare Gnome Shell Global Menu

In questo articolo andremo a vedere come installare GNOME Shell Global Menu su Ubuntu 11.10. GNOME Shell Global Menu è un estensione per l’ambiente desktop GNOME Shell dove ci permetterà di mostrare i menu delle varie applicazioni installate nella barra superiore come potrete vedere nel video in fondo all’articolo, per poter abilitare e utilizzare GNOME Shell Global Menu bisogna avere installato l’ambiente Desktop GNOME Shell (Se non sapete come fare potete seguire questa guida qui) e avere anche installato l’utility di gestione dei temi gnome-tweak-tool dove verrà chiamata Impostazioni Avanzate nel menu delle applicazioni, se non l’avete installata e non sapete come farlo vi basta aprire il Terminale e digitare:


sudo apt-get install gnome-tweak-tool

dove digiterete la password di root quando richiesta e diamo conferma. A questo punto abbiamo tutto l’occorrente per poter installare l’estensione GNOME Shell Global Menu tramite i repository PPA Ufficiali di Web UPD8, quindi apriamo il Terminale con la combinazione di tasti Ctrl+Alt+T oppure dal menu applicazioni e aggiungiamo i repository PPA digitando:

sudo add-apt-repository ppa:webupd8team/gnome3

digitiamo la password di root quando richiesta e diamo conferma fino alla fine del processo, ora aggiorniamo l’indice dei pacchetti digitando sempre nel Terminale:

sudo apt-get update

attendiamo che finisca l’operazione di aggiornamento per poi installare l’estensione GNOME Shell Global Menu digitando nel Terminale:

sudo apt-get install gnome3-globalmenu

e alla domanda “Continuare S/n” digitiamo “S” e diamo invio per continuare l’installazione, a processo finito riavviamo Ubuntu per rendere effettivo il tutto.

Ora andiamo a abilitare l’estensione tramite gnome-tweak-tool installato in precedenza. per aprirlo potete digitare nel Terminale:

gnome-tweak-tool
nella finestra dell’applicazione facciamo clic prima sulla voce Estensioni della Shell e poi mettiamo su on l’interruttore della voce “Estensione Global menu” come in figura sotto:
Installazione in Sintesi.

sudo add-apt-repository ppa:webupd8team/gnome3
sudo apt-get update
sudo apt-get install gnome3-globalmenu


Video dimostrativo su GNOME Shell Global Menu.



2- Installare Simple LightDM Manager.


Simple LightDM Manager è una semplice applicazione con la quale possiamo sostituire lo sfondo e logo del nostro Desktop Manager LightDM con uno da noi preferito.


 Aprite il terminale ed eseguire i seguenti comandi
sudo apt-add-repository ppa: claudiocn / slm
sudo apt-get update
sudo apt-get install simple-lightdm-manager
Personalizzare lo sfondo:



Personalizzare il colore:



Una volta inserito correttamente l'immagine o logo o tutte e due basta cliccare su Apply changes per confermare la modifica.


3.- Sostituire Unity con MATE.

Per installarlo, dobbiamo innanzitutto aggiungere i relativi repository al file /etc/apt/sources.list. Per farlo, eseguiamo da terminale il comando:

sudo gedit /etc/apt/sources.list

Si aprirà l'editor di testo gedit. In fondo al file, aggiungiamo la seguente stringa:

deb http://packages.linuxmint.com/ lisa main upstream import

Aggiunta questa stringa, eseguiamo i seguenti comandi per installare MATE:

sudo apt-get update

sudo apt-get install linuxmint-keyring

sudo apt-get update

sudo apt-get install mint-meta-mate

Al solito, al riavvio della sessione, selezioniamo dall'apposito menu la voce MATE. Il desktop apparirà molto simile a quello tipico di Linux Mint.


Cambiando il tema di default di MATE, potremo utilizzare una versione molto simile a quelle viste nelle versioni di Ubuntu meno recenti. Selezioniamo Sistema / Preferenze / Aspetto, e scegliamo il tema Ambiance. Con questo accorgimento, avremo un desktop del tutto simili a quello già visto su Ubuntu 10.10, come dimostrato dalla figura seguente:

Per finire, non resta che notare che la necessità di passare da Unity a GNOME Shell difficilmente soddisfa i "nostalgici". Le funzionalità offerte da entrambe le soluzioni, infatti, sono molto simili. Chi ha la nostalgia di un desktop più "classico", preferirà senza dubbio utilizzare MATE o, se proprio non si vuole abbandonare GNOME 3, potrà accontentarsi della fallback mode.


4.- Installare Gnome 3 (con Mint Gnome Shell Extensions).
Questo tutorial vi mostra come è possibile installare il desktop GNOME 3 su Ubuntu 11,10 con le estensioni della shell che vengono utilizzati nel rilascio di Linux Mint 12 (Lisa) (queste estensioni della shell sono chiamati Mint GNOME Shell Extensions - MGSE).

Per chi preferisce GNOME 2 questo tutorial mostra come installare Mate dai repository di Linux Mint su Ubuntu 11.10. Mate è un fork di GNOME 2.

Nota preliminare:


Testato su un computer desktop con una scheda NVIDIA GeForce 8200. Dovrebbe funzionare allo stesso modo con tutte le altre schede grafiche NVIDIA 3D.

Aggiungere i repository di Gnome.

Per scaricare il pacchetto GNOME 3 è necessario innanzitutto aggiungere il repository appropriato e aggiornare l'elenco del software. Quindi, aprire il terminale e digitare:

sudo add-apt-repository ppa: webupd8team/gnome3
sudo apt-get update

Installare GNOME 3.

Per installare i pacchetti necessari, digitare nel terminale :

sudo add-apt-repository ppa:webupd8team/gnome3

sudo apt-get update

Dopo l'installazione, eseguire il logout della sessione corrente e fare clic sulla icona della ruota dentata nella schermata di log-in per trovare le opzioni di desktop:



Scegli GNOME per iniziare con Gnome 3 desktop. Questo è ciò che il desktop vi mostrerà dopo:

Per abilitare tutte le funzioni installate, è necessario prima configurarli con la Gnome Tweak Tool. Cerca nella schermata Attività e fare clic su Impostazioni avanzate:


Selezionare le estensioni della shell dal pannello di sinistra e attivare le funzioni desiderate:


Per installare Mate, è necessario prima di aggiungere i repository di Linux Mint .

Aprire il file sources.list inserendo quanto segue:
 
sudo gedit /etc/apt/sources.list

Alla fine del file, aggiungere la seguente riga:

deb http://packages.linuxmint.com/ lisa main upstream import

Salvare il file e chiudere successivamente. Prima di importare la chiave, aggiornare il la lista dei pacchetti:

 sudo apt-get update 

potrei scommetterci che questo comando vi darà errore ma non preoccupatevi che se noi aggiungiamo la chiave d'autentificazione attraverso il comando:

sudo apt-get install linuxmint-keyring


... e aggiorniamo la lista dei pacchetti ancora una volta:
 
sudo apt-get update

Ricerca personalizzata



Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

1 commento:
Scrivi commenti
  1. Che sia Fedora, Ubuntu, openSUSE o qualsiasi altra distribuzione, l’ambiente desktop può variare. Siamo noi a decidere a cosa affidarci. Unity? GNOME Shell? Mate? Cinnamon? Xfce? Ce ne sarebbero altri mille, ognuno con i loro pregi e difetti. Tutto dipende da ciò che ricerchiamo. Preferiamo un ambiente bello da guardare ma lentissimo e pieno di bug? O un qualcosa di minimale e di conseguenza più reattivo?

    RispondiElimina

Random Posts