toc2 Guida a OpenOffice: riconoscere le varie parti dell'ambiente di lavoro principale. - Software Free & Open Source

Microsoft Edge, Microsoft, Browser Internet Firefox, Mozilla, estensioni OpenOffice, software libero, Writer, Impress, Calc PadFone, smartphone Matroska, multimedia Avast, antivirus, sicurezza html5, flash, giochi iPhone, iPod touch e iPad infografica, internet browsers, opera, mozilla firefox, chrome, internet explorer cloud computing, internet

mercoledì 13 marzo 2013

Guida a OpenOffice: riconoscere le varie parti dell'ambiente di lavoro principale.

OpenOfficeLogoOpenOffice.org, ora Apache OpenOffice, è una suite per ufficio completa, rilasciata con una licenza libera e Open Source che ne consente la distribuzione gratuita. 

Legge e scrive file nei formati utilizzati dai prodotti più diffusi sul mercato e, a garanzia della futura accessibilità dei dati, nel formato OpenDocument, standard ISO. 

Consente inoltre l'esportazione in formato PDF.

OpenOffice è liberamente, gratuitamente e legalmente utilizzabile in ogni contesto: pubblico, privato, professionale e aziendale.

Download versione 3.4.1

La versione 3.4.1 di Apache OpenOffice è una versione di manutenzione, rilasciata con l'obiettivo di porre rimedio a problemi critici e a migliorare la qualità complessiva dell'applicazione.

Le aree generali di miglioramento includono: il supporto di lingue ulteriori, la correzione di errori, miglioramenti nelle prestazioni e aumento della compatibilità con Windows 8. Ulteriori dettagli riguardo ciascuna di queste aree sono riportati più avanti. 

Per una panoramica più esaustiva dei cambiamenti rispetto alle versioni 3.3.X di OpenOffice.org e precedenti, è possibile vedere le Note di Rilascio relative a Apache OpenOffice 3.4.0.
  Le varie parti della finestra di lavoro principale del programma "Writer".
L'ambiente di lavoro del programma "Writer" dell'OpenOffice.org 2.0.
Le principali sezioni sono:
  • A, la "Barra del titolo";
  • B, la "Barra dei menù";
  • C, la "Barra degli strumenti standard";
  • D, la "Barra degli strumenti di formattazione" del testo;
  • E, lo spazio (o l'area) dove sarà editato il "Documento";
  • F, la "Barra di stato".

Ricerca personalizzata
Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Nessun commento:
Scrivi commenti

Random Posts